AREA RISERVATA CONTATTI ITALIANO ENGLISH  
9 dicembre 2010

CONSEGNATA A TOTO S.P.A. LA “TALPA” PIU’ GRANDE AL MONDO

  • Alfonso Toto: “Competenza ed affidabilità del Gruppo per lo sviluppo d’infrastrutture strategiche”
  • Una TBM da record: alta quanto un palazzo di 5 piani, pesa quanto 25 Jumbo Jet
  • Un investimento pari a 53 milioni di Euro, il più elevato mai realizzato per singola macchina TBM
  • I lavori per la Galleria Sparvo sulla Variante di Valico conclusi entro il 2013

La Società TOTO Costruzioni Generali S.p.a. ha preso oggi in consegna a Schwanau (Germania), la più grande TBM (Tunnel Boring Machine) al mondo.

La costruzione della TBM , battezzata col nome di Martina, è stata affidata alla fine del 2009 alla tedesca Herrenknecht AG (società leader a livello mondiale nella progettazione e costruzione di macchine per scavo meccanizzato in galleria), con un investimento complessivo per TOTO di 53 milioni di Euro circa. Si tratta del valore di vendita più elevato mai realizzato dalla ditta tedesca per singola macchina.

I numeri della TBM «Martina» sono tutti da record:

  • diametro di scavo: 15,62 m (pari all’altezza di un palazzo di cinque piani)
  • lunghezza complessiva: 130 m
  • area di scavo: 192 mq
  • valore della spinta: 39.485 t (pari ad una pressione di 500 BAR)
  • peso totale: 4.500 t (pari al peso di 25 Jumbo Jet B747-400)
  • totale potenza installata: 18 MW (sufficiente ad alimentare circa 6.000 abitazioni);
  • consumo di energia in un anno: circa 62.000.000 di kWh (pari a quello di un centro abitato di 12.000 abitanti)

Il finanziamento dell’operazione è stato organizzato dalla WestLB AG - Filiale di Milano e garantito dalla Hermes, l’agenzia pubblica di credito all’esportazione tedesca. Si tratta della prima operazione conclusa dalla Hermes in Italia, a testimonianza della politica del Governo Tedesco mirata a supportare le vendite dei prodotti delle proprie aziende all’estero. Il finanziamento, di importo complessivo pari a 53 milioni di euro ha una durata rispettivamente di 8,5 anni e consentirà di ammortizzare il valore della TBM in linea con la sua vita utile.

La macchina sarà utilizzata da TOTO per la costruzione dei 5 Km della galleria Sparvo, opera inserita nell’ambito del progetto denominato “Lotti 6-7” del sistema viabilistico della Variante di Valico, sull’Autostrada A1. Il contratto di appalto, del valore di circa 340 milioni di Euro, è stato affidato in gara da Autostrade per l’Italia, nell’ambito del progetto di ampliamento e potenziamento dell'Autostrada del Sole. La Sparvo è una galleria a doppio fornice a scorrimento parallelo per una lunghezza di 2,5 kilometri ciascuno. Le due canne di galleria ospiteranno entrambe una strada a 3 corsie, all’interno della galleria è inoltre prevista la realizzazione di«by-pass» pedonali e carrabili, finalizzati, in caso di emergenza, alla evacuazione ed al soccorso da una canna all’altra degli utenti, e la realizzazione di nicchie SOS.

L’opera che TOTO Costruzioni Generali S.p.a. andrà a realizzare con questa TBM è particolarmente impegnativa, per questo, data la complessità del contesto geologico e geomorfologico, è stato necessario prevedere una macchina TBM in modalità EPB (Earth Pressure Balanced); la Galleria Sparvo, infatti, s’innesta all’interno di un versante interessato dalla presenza di numerose frane, talvolta attive, di notevole estensione ed importanza ed è caratterizzata da una estrema variabilità dei terreni lungo il suo sviluppo che in alcuni tratti si presentano fortemente spingenti e con scadenti caratteristiche geomeccaniche, per i quali è stato necessario prevedere il bilanciamento delle pressioni al

fronte. Inoltre, la probabile presenza di gas metano, con diversi gradi di rischio in funzione delle tratte attraversate, ha fatto sì che la macchina venisse interamente configurata in assetto antideflagrante.

La scelta compiuta da TOTO ha il vantaggio di ridurre notevolmente i tempi di scavo: la macchina consentirà un avanzamento dei lavori a velocità superiori ai 10 metri al giorno (contro i 15-20 metri al mese ottenuti con l’utilizzo della tecnologia tradizionale) e di portarli a valori certi, avendo eliminato i lunghi tempi necessari per gli interventi di consolidamento, scavo e smarino e scongiurato le perdite associabili a possibili rilasci del fronte. L’utilizzo di uno scavo completamente automatizzato ha il vantaggio di ridurre fortemente i rischi per l’incolumità delle maestranze che, in questa configurazione, operano sempre in un contesto protetto (dalla testa fresante, dallo scudo o dal rivestimento definitivo).

Per Toto Costruzioni Generali S.p.A. la sfida si presenta ambiziosa: coniugare lo sviluppo di soluzioni tecnologiche d’avanguardia per l’intero settore con l’approntamento di elevati livelli di sicurezza a tutela dei lavoratori coinvolti. “La consegna della TBM «Martina» – ha dichiarato Alfonso Toto, Amministratore Delegato di Toto Costruzioni Generali S.p.a. – conferma la vocazione della Società nella realizzazione di progetti infrastrutturali ad elevata complessità tecnologica e la fiducia che gli istituti di credito, anche internazionali, riconoscono al Gruppo. Le straordinarie dimensioni della TBM – ha proseguito Alfonso Toto - e la complessità tecnologica dell’opera che andremo a realizzare sulla Variane di Valico, conferiscono un valore altamente strategico a quest’investimento e confermano le capacità tecniche della nostra Società che, attraverso la realizzazione di grandi opere pubbliche contribuisce concretamente allo sviluppo infrastrutturale del nostro Paese.

Negli anni l’impresa TOTO ha maturato elevate competenze tecniche e manageriali nell’esecuzione di progetti tecnologicamente complessi (v. tabella allegata). La macchina presa in consegna oggi è, infatti, la seconda TBM di grandi dimensioni acquistata dall’azienda, dopo quella utilizzata a Trento, con la quale ha realizzato circa 5,5 km di tunnel sotto l’abitato di Martignano. L’«expertise» della società TOTO nella realizzazione di opere complesse è globale: la società, infatti, non opera solo come specialista di gallerie, ma come impresa generale per la costruzione di grandi infrastrutture di trasporto, grazie allo spiccato know-how costruttivo di gallerie e viadotti, sia stradali sia ferroviari.

Toto Costruzioni Generali S.p.A. stima di chiudere l’esercizio 2010 con un fatturato annuo di 165 milioni di Euro.

Il portafoglio ordini acquisiti alla data del 31 dicembre 2010 è pari ad 625,2 milioni di Euro.

Schwanau, Germania - 9 dicembre 2010


   
 
> Comunicazione
> Galleria foto
> Galleria video
> Comunicati stampa
> Brochure
> Logotipi
> Contatti
> Focus
> Dicono di noi

 

 

 

Copyright © 2012 Toto Holding SpA.
(P.I. 00134410695).

All rights reserved.